Introduzione ai modelli e agli standard dei dati nel Building Information Modelling (film)

Introduzione ai modelli e agli standard dei dati nel Building Information Modelling (film)

Scopri come integrare i modelli e gli standard dei dati nel tuo progetto BIM e i vantaggi che offrono per il tuo flusso di lavoro durante la progettazione. 

Il Building Information Model – o BIM – non è un semplice software per la progettazione tridimensionale, ma piuttosto un processo che facilita la collaborazione tra diversi team di un progetto (stakeholder) durante l’intero ciclo di vita di un edificio. Quando si implementa il BIM in un progetto specifico, è importante utilizzare i modelli corretti per avere una comprensione ottimale dello stesso. Per darti una mano, Grundfos ha sviluppato i modelli delle diverse linee di prodotto nei diversi formati - bassa, media e alta risoluzione.

In questo corso, ti presenteremo i vari modelli nelle diverse risoluzioni disponibili, spiegandoti come potrai utilizzarli nelle tue progettazioni con il BIM. Ti presenteremo inoltre una varietà di standard di dati e ti mostreremo come possano aiutarti a capire meglio il tuo progetto.

Ma prima di approfondire questi standard dei dati e i modelli, parleremo rapidamente di Autodesk Revit. In breve, Autodesk Revit è uno dei principali software utilizzati nel flusso di progettazione con il BIM e la piattaforma su cui ci focalizzeremo in questo corso.

Ed è anche il software in cui troveremo i nostri modelli e i nostri standard. I modelli di visualizzazione di pianificazione sono modelli di visualizzazione applicabili a pianificazioni, take-off di materiali, elenchi di fogli, panoramiche, note per avere una visione completa e riassuntiva derivante dalle diverse fonti di informazioni. La visualizzazione delle pianificazioni vengono create e modificate come in qualsiasi altra visualizzazione in Autodesk Revit. Questo include il trasferimento con gli standard del progetto.

Per aiutare con il processo di progettazione, Grundfos ha creato una serie di standard di dati e modelli, tutti basati sulle pompe Grundfos. Sono disponibili modelli per ogni linea di prodotto che ti consentono di trovare un modello praticamente per ogni esigenza.

Per esempio, diciamo che desideriamo integrare un modello per la MAGNA3 di Grundfos. In primo luogo, andare al Grundfos Product Center e cercare la famiglia di prodotti pertinente. Quindi, selezionare la MAGNA3 e sarà visualizzata una varietà di standard di dati tra cui scegliere.

Nessun progetto è lo stesso. È importante riconoscere che non esiste uno standard globale per i dati che devono essere inclusi in un progetto. Su questa base, Grundfos ha creato diverse versioni di risorse BIM che possono essere scaricate dal Grundfos Product Center.

Queste diverse versioni sono tutte modellate secondo alcune delle linee guida più importanti, come BIMMEPaus, CIBSE PDT e COBie. In questo modo, si è sicuri che le proprietà dell’oggetto siano state impostate in base ai parametri più richiesti. In caso di dubbi sullo standard di dati da selezionare, si consiglia di usare la versione base.

Una volta scaricato l’oggetto dal Grundfos Product Center, è possibile caricare la famiglia di prodotti e procedere con la progettazione. Ed è qui che entrano in gioco i modelli di pianificazione. Grundfos fornisce una varietà di modelli che non solo contengono configurazioni che spiegano la funzionalità del prodotto, ma fanno anche risparmiare tempo ai designer in quanto non è necessario creare manualmente una pianificazione. Tuttavia è importante sottolineare che questi sono solo modelli; è ovviamente possibile creare i propri.

Una volta trovato il modello desiderato, è sufficiente caricarlo nel progetto Revit. Integrando i modelli nel progetto, si avrà una semplice panoramica su una tabella piuttosto che una quantità complessa di dati che possono creare confusione. 

In questo modo, si otterranno informazioni complete sulla pompa e sui componenti, che consentiranno di apprendere tutto ciò che si deve sapere sulla Grundfos MAGNA3, compresi i dati elettrici, di identità, operativi e meccanici più richiesti.

Con questo abbiamo finito. Ma prima di lasciarvi, ricapitoliamo.

In primo luogo, uno standard di dati viene applicato ai dati dell’intero modello, consentendo un approccio olistico fin dalle prime fasi.

In secondo luogo, gli standard dei dati sono impostati in base a schemi di dati “in-demand”, e quindi è molto probabile trovarne uno che corrisponde alle proprie esigenze.

I modelli sono inoltre disponibili per ogni linea di prodotti, consentendo di trovare facilmente la soluzione desiderata.

Infine, i modelli forniscono tutti i dati necessari, facendo risparmiare tempo, in quanto non si deve creare una programmazione manualmente.