Un’introduzione generale ai circuiti di miscelazione

Un’introduzione generale ai circuiti di miscelazione

Scopri la teoria alla base dei circuiti di miscelazione, le diverse tipologie e cosa li differenzia. 

Quando si tratta di controllare la temperatura di mandata, i circuiti di miscelazione sono fondamentali. In questo modulo, troverai una introduzione generale ai circuiti di miscelazione, al perché vengono utilizzati e alla loro modalità di progettazione. Tratteremo anche i vari componenti che compongono un circuito di miscelazione.

Cominciamo. In primo luogo, i sistemi con un circuito di miscelazione regolano la temperatura di mandata dell’acqua. Sono costituiti da un lato primario e da un lato secondario. La portata sul lato primario è controllata dalla valvola, e la portata sul lato secondario è controllata dalla pompa. In poche parole, il principio di base di un circuito di miscelazione è miscelare l’acqua primaria con l’acqua di ritorno in una proporzione adeguata per ottenere la temperatura di mandata richiesta.

Ma perché usare un circuito di miscelazione? Una delle ragioni principali è che un circuito di miscelazione ha la capacità di zonare la temperatura negli edifici. Tipicamente, gli edifici più grandi sono divisi in zone. E tutte queste zone hanno esigenze diverse. Quindi, se una parte dell’edificio è esposta a meno sole di un’altra, questa sezione dell’edificio potrebbe avere bisogno di più riscaldamento. Allo stesso modo, può dipendere dall’utilizzo medio - un ufficio è principalmente utilizzato dal lunedì al venerdì, mentre un’area commerciale è aperta anche durante i fine settimana. Per controllare la temperatura di mandata di una zona, è necessario un circuito di miscelazione.

Poiché un sistema di riscaldamento in ogni zona è in genere un impianto a radiatori, un impianto a pavimento o un’unità di trattamento dell’aria, richiedono tutti una temperatura di mandata diversa. Inoltre, utilizzando la compensazione della temperatura esterna, in cui la temperatura di mandata viene regolata in base alla temperatura esterna, le perdite di calore nella trasmissione tipicamente diminuiranno, aumentando così il risparmio energetico anche del 5-10%.

Quindi, con la compensazione della temperatura esterna, è possibile ottenere il miglior comfort possibile con il consumo energetico più basso possibile. Esistono numerosi tipi di circuiti di miscelazione. I due circuiti più comuni sono il circuito a iniezione pressurizzato con valvola a due vie, e un circuito di miscelazione non pressurizzato con valvola a tre vie. Diamo uno sguardo più da vicino. In un circuito a iniezione pressurizzato con una valvola a due vie, normalmente la pompa primaria forza l’acqua nel circuito di miscelazione attraverso la valvola dal lato primario.

In un circuito di miscelazione non pressurizzato con una valvola a tre vie, la pompa è sul lato secondario, e da qui, in genere risucchia l’acqua nel circuito di miscelazione attraverso la valvola quando è aperta. Ora che abbiamo parlato dei diversi circuiti, diamo un’occhiata ai componenti di un sistema con circuito di miscelazione. Prima di tutto, abbiamo la valvola di controllo. Questa è la valvola che regola il mezzo in circolazione e quindi controlla la temperatura di mandata.

Poi abbiamo la valvola di bilanciamento. Il bilanciamento sul lato primario aiuta a prevenire un bilanciamento inadeguato tra tutte le zone, contribuendo a un delta-T ottimale tra mandata e ritorno. Poi c’è il regolatore di pressione differenziale. Negli impianti a portata variabile, la pressione è variabile sul lato primario.

Questo significa che, se la pressione aumenta a un livello superiore alla pressione desiderata, il regolatore di pressione differenziale farà in modo che il volume d’acqua per il quale il circuito di miscelazione è stato impostato sia ancora ricevuto. Poi abbiamo le valvole di non ritorno. In poche parole, il loro lavoro è evitare un riflusso indesiderato.

Infine, c’è un controller e i sensori di temperatura. Ricevendo un segnale sia dall’applicazione sia dai sensori della temperatura esterna, il controller può controllare la temperatura di mandata per mezzo di una curva di riscaldamento. Collegare il circuito di miscelazione a un sistema di gestione degli edifici consente di controllare e di monitorare il sistema in remoto. Questo riassume la nostra introduzione ai sistemi con circuito di miscelazione.

Ricapitoliamo: I circuiti di miscelazione sono fondamentali per regolare la temperatura di flusso del liquido. Controllando le singole zone di un edificio con un circuito di miscelazione, è possibile assicurare un elevato livello di comfort, mentre la compensazione della temperatura esterna si traduce in un risparmio energetico. Esistono più tipi di applicazioni e di circuiti idraulici per circostanze diverse. E infine è possibile controllare il sistema con circuito di miscelazione localmente o in remoto tramite la propria soluzione BMS preferita.